Ceccano, Caligiore ricorre agli avvocati per difendersi dagli attacchi su facebook


ceccanob1Attenti a scrivere post esagitati o contenenti affermazioni non vere; secondo articoli di stampa (ma sul sito del comune non c’è nulla, a meno di non cercare faticosamente sull’albo pretorio e districarsi nei linguaggi della burocrazia) l’amministrazione fabraterna vorrebbe adottare la linea dura per contrastare le tante critiche che piovono da social networks (facebook in particolare) e dai blog personali. La mossa di Caligiore, fino ad oggi utilizzata in rarissimi casi dalle amministrazioni precedenti; una delle quali riguardò anche me, con un esposto all’ordine dei giornalisti da parte del sindaco Ciotoli, se ricordo bene, conclusosi senza che neppure l’ordine abbia sentito la necessità di ascoltare le mie ragioni. E’ chiaro che  a Roma avevano capito l’intento intimidatorio della mossa del comune. Mi permetto di considerare sbagliata e foriera di ulteriori contrasti e discussioni  esagitate la mossa di Caligiore: al contrario, il comune di Ceccano dovrebbe essere presente su facebook con una sua pagina ufficiale, in cui per tutti sia possibile, in tempo reale, conoscere le idee, le scelte, i pareri dell’amministrazione, senza dover ricorrere agli strumenti cartacei che invece Palazzo Antonelli considera come gazzetta ufficiale, rimproverando tutti di non leggerli. Una pagina ufficiale del comune, un account twitter, una mailing list con le ultime novità, un account istagram per la diffusione delle immagini , un numero di whatsapp, un gruppo SMS sono di gran lunga più potenti delle minacce e sono capaci di raggiungere un numero 1000 volte superiore di persone rispetto ad un comunicato stampa. Inoltre, al contrario di ora in cui chiunque può scrivere quello che vuole senza alcun controllo sull’account del sindaco, e spesso spuntano insulti, quegli spazi diventeranno una piazza virtuali da cui escludere i rissosi e rispondere soltanto, come è giusto, ai cittadini educati. Per non parlare della loro efficacia in caso di emergenze. Abbiamo visto più volte in questi ultimi mesi cittadini che non riuscivano a trovare le posizioni ufficiali del comune su chiusura delle scuole, allerta meteo, mancanza acqua… etc. Se i cittadini sono su fb, anche il comune deve esserci, in maniera autorevole e controllata.

Per dare un’idea ripubblico qui un articolo della mia amica Fabiana Martini, giornalista e già assessore al comune di Trieste.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Marisa Moles's Weblog

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

RomaCassino Express

Associazione pendolari Roma-Cassino

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Jonathan Wylie

Digital Learning Consultant

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: