Home > Uncategorized > Piano Rifiuti Lazio, per Civis la Regione vuol fare della Valle Latina la discarica di Roma

Piano Rifiuti Lazio, per Civis la Regione vuol fare della Valle Latina la discarica di Roma


vallelatinaVogliono trasformare la Valle Latina nella discarica di Roma: è l’accusa, pesantissima, dell’Associazione Civis di ferentino che in comunicato denuncia la volontà della Regione di evitare la valutazione ambientale sul nuovo Piano dei rifiuti. Si legge in un comunicato: L’associazione CIVIS ha svolto l’accesso agli atti presso la Regione Lazio per il procedimento di verifica di assoggettabilità a VAS del nuovo Piano Rifiuti: le sorprese non sono mancate. Innanzi tutto, il nuovo Piano Rifiuti, ovvero la DGR 199/2016 che contiene la determinazione del fabbisogno impiantistico -discariche, TMB, termovalorizzatori e compostaggi-  non ha ottenuto alcun provvedimento di VAS, contrariamente a quanto affermato dall’Assessore all’Ambiente della Regione Lazio nella riunione della Commissione Ambiente del Consiglio Regionale del 17 Novembre scorso.

In secondo luogo, la Direzione Regionale Governo Ciclo dei Rifiuti ha chiesto l’esonero dalla Valutazione Ambiente Strategica per la parte che riguarda il fabbisogno impiantistico del Piano Rifiuti sulla scorta di due considerazioni:

-non sono previste, nell’immediato, nuove localizzazioni di impianti per il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti, ma “solamente” il potenziamento di quelli esistenti, con l’aumento delle volumetrie delle discariche e l’aumento della capacità dei termovalorizzatori e dei TMB;

-non esistono criticità ambientali o potenziali impatti ambientali significativi derivanti da tali aumenti e potenziamenti della capacità degli impianti.

Nessun riferimento alla situazione della Valle del Sacco; è avvenuto quanto temevano: per la Regione Lazio il nostro territorio è una distesa di prati fioriti, acque cristalline e profumata aria di collina.

In realtà, il tentativo di eludere la VAS e quindi di evitare ogni valutazione ambientale sul Piano dei Rifiuti, è dettato dall’intenzione di utilizzare l’impiantistica presente nella Valle del Sacco per supplire al deficit di trattamento e smaltimento ed alla conseguente emergenza di Roma Capitale; e per “scaricare” la monnezza romana sulla Ciociaria bisogna girarsi dall’altra parte e far finta che sul nostro territorio non ci sia alcuna criticità.

Eppure, è stessa Regione Lazio che con la recente DGR 536/2016, contenente la nuova zonizzazione per il Piano di Risanamento della Qualità dell’Aria, ha inserito la maggior parte dei Comuni della Valle del Sacco nella classe 1, zona A, ovvero al massimo livello di inquinamento pari a quello di Roma e Milano.

E’ l’amministrazione regionale tramite l’ARPA Lazio che ha certificato lo stato ecologico del fiume Sacco e del bacino idrografico come “scarso” o “pessimo”, con il concreto rischio di avvio di una procedura d’infrazione da parte della Commissione Europea.

E’ ancora la Regione che assieme al Ministero dell’Ambiente ha definito ed approvato il nuovo perimetro del SIN Bacino del fiume Sacco (decreto del 22.11.2016), e quindi individuato un’area molto estesa da Colleferro e fino a Falvaterra, oggetto di contaminazione diffusa e persistente, con oltre 100 siti da bonificare.

Ci preme segnalare che il Ministero dell’Ambiente e l’ARPA  hanno espresso dei pareri chiarissimi: la VAS si deve fare; e le censure che hanno rivolto all’operato della Regione Lazio sono inequivocabili. Stendiamo un pietoso velo sul parere della Provincia di Frosinone: mezza paginetta dalla quale si evince un incondizionato assenso all’invasione di rifiuti.

Insomma, qualcuno sembra desiderare ardentemente l’addebito del nuovo reato di disastro ambientale, come fosse una medaglia al valore.

CIVIS è –purtroppo- l’unica associazione intervenuta nel procedimento amministrativo di verifica di assoggettabilità a VAS del Piano Rifiuti e che ha depositato Osservazioni, le quali sono pubblicate sul sito web www.civisferentino.eu assieme a tutti gli altri documenti e pareri citati (nella sezione del sito “Nuovo Piano Rifiuti”); l’associazione ha richiesto che il nuovo Piano Rifiuti sia sottoposto a VAS.

Associazione CIVIS

Ferentino, 12 Dicembre 2016

CIVIS Ferentino

Associazione per la Tutela dei Diritti del Cittadino

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Mille e più incantesimi

Claudio Baglioni: Poesia in musica

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

seiletteresulpolso

«Passerò come una nuvola sulle onde.» Virginia Woolf

Centri Informagiovani Ciociaria

Una risorsa per i giovani. Un riferimento per i territori

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Cesidio Vano Blog

“L'insuccesso mi ha dato alla testa!”

Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

virgoletteblog

non solo notizie in co-blogging

polypinasadventure

If you can take it, you can make it!

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

RomaCassino Express

Associazione pendolari Roma-Cassino

Dott.ssa Ilaria Rizzo

PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA

Jonathan Wylie

Digital Learning Consultant

Classe Digitale

Lezioni Collaborative nella Scuola 2.0 - Web Spazio di approfondimento della Classe 3A

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: